Costituzione

In data 16/11/2015 è stata sottoscritta una convenzione tra i Comuni di Castellaneta e Laterza, con la quale gli stessi Comuni, hanno convenuto di esercitare, in forma associata l’acquisizione di lavori, servizi e forniture istituendo una “Centrale Unica di Committenza” (C.U.C.), ai sensi dell’art. 33 commi 1 e 3 bis del D.Lgs. n. 163/2006 e ss.mm.ii., operante ai sensi dell’art. 30 del D.Lgs. n. 267/2000 e ss.mm.ii. utilizzando il modello della delega di funzioni da parte degli enti partecipanti all’accordo a favore del Comune di Castellaneta, come ente capofila per la gestione in forma associata delle acquisizioni di lavori, servizi e beni, in relazione a quanto previsto dall’art. 33, comma 3-bis del d.lgs. n. 163/2006.

In data 20/11/2015 con Decreto Sindacale n. 119 emesso dal Sindaco di Castellaneta è stato nominato l’arch. Pantaleo De Finis Responsabile della Centrale Unica di Committenza Castellaneta-Laterza.

 

     

Funzioni

La C.U.C. cura, per i comuni aderenti all’accordo convenzionale, le procedure di gara relative ad appalti di lavori, forniture e servizi rientranti nell’ambito di applicazione del Codice dei Contratti di cui al D. Lgs n. 163/2006 e s.m.i., di importo pari o superiore a 40.000 euro (art. 23-ter del legge n. 114/2014, così come modificato dall'art. 1, comma 501 lett.b), della legge n. 280/2015).

Per le acquisizione di beni e servizi di importo a base d’asta inferiori alla soglia comunitaria,  gli Enti aderenti, sono tenuti a fare ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione (MEPA) ovvero ad altri mercati elettronici istituiti ai sensi dell’art. 328 del D.P.R. n. 207/2010.

Di conseguenza, ove per le suddette acquisizioni si faccia ricorso al mercato elettronico, senza dunque attivazioni di procedure concorrenziali, ad esse provvederà direttamente l’ufficio competente del Comune interessato; laddove il bene o il servizio non sia rinvenibile sul mercato elettronico, ovvero rinvenibile ad prezzo/qualità superiore, l’approvvigionamento, se di importo  non inferiore a 40.000 euro,  è di competenza della Centrale di Committenza.

In tal caso, nella determina a contrarre, l’Ente interessato dovrà evidenziare le caratteristiche tecniche del bene e della prestazione, nonché di aver effettuato il previo accertamento della insussistenza degli stessi sui mercati elettronici disponibili; e ove necessario, la motivazione sulla non equipollenza con altri beni o servizi presenti sui mercati elettronici.

Non rientrano nella fattispecie di cui al punto precedente, le acquisizioni in economia mediante amministrazione diretta.

Rimangono nella competenza dei singoli Enti i procedimenti di urgenza o somma urgenza.

Rientrano, di contro, nella operatività della C.C., le procedure di affidamento di concessioni di lavori pubblici e di servizi e la realizzazione di lavori pubblici o pubblica utilità mediante finanza di progetto (project financing).

Attività

La C.U.C., cura la gestione della procedura di gara, in particolare spetta ad essa la fase che va dal  bando o lettera di invito alle imprese fino all’aggiudicazione definitiva efficace, rimanendo in capo agli Enti aderenti sia la fase (a monte) della programmazione e della scelta dei lavori, servizi e forniture da acquisire, sia la fase (a valle) della stipulazione del contratto e della esecuzione dell’intervento.

La C.U.C., dunque svolge le seguenti attività e servizi: 

  • predispone gli atti di gara, ivi incluso il bando di gara, il disciplinare di gara;
  • predispone gli avvisi e/o le lettere di invito in caso di procedure negoziate ai sensi degli artt. 57-6° comma e 122 comma 7 del D. Lgs n. 163/2006 e s.m.i.;
  • predispone gli atti in caso di affidamenti in economia ai sensi dell’art. 125 commi 8 ed 11 del D. Lgs n. 163/2006 e s.m.i.;
  • cura gli adempimenti relativi allo svolgimento della procedura di gara in tutte le sue fasi, ivi compresi gli obblighi di pubblicità e di comunicazione previsti in materia di affidamento dei contratti pubblici e la verifica del possesso dei requisiti di ordine generale e di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa;
  • nomina la commissione aggiudicatrice in caso di aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa;
  • provvede all’aggiudicazione definitiva;
  • cura gli eventuali contenziosi insorti in relazione alla procedura di affidamento, fornendo anche gli elementi tecnico-giuridici per la difesa in giudizio;
  • collabora con l’ente associato ai fini della stipulazione del contratto;
  • comunica e trasmette al sistema SIMOG presso l’ANAC o se attivo presso l’Osservatorio regionale dei contratti pubblici (SITAR) le informazioni previste dall’art. 7 del D.L.gs n. 163/2006, relativamente alle fasi della pubblicazione del bando e dell’aggiudicazione;
  • comunica all’Osservatorio dei contratti pubblici le informazioni previste dall’art. 6 del D.L.gs n. 163/2006;
  • predispone gli elenchi di operatori economici di cui all’art. 125-commi 8 ed 11 del D. Lgs n. 163/2006 e s.m.i. ed art. 267-3° comma del D.P.R. n. 207/2010, da invitare nelle procedure di affidamento mediante procedura negoziate e cottimo fiduciario.

Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
More information Ok